ATTO DI FONDAZIONE

Dell’atto costitutivo si hanno due redazioni che portano la medesima data (5 dicembre 1876) e sono munite di firme autografe. Ma, mentre la prima risulta scritta alla data dichiarata, la seconda deve ritenersi redatta dopo il 3 gennaio seguente, perché in essa si fa riferimento alla protezione del Comune di Roma, che fu comunicata con lettera di quel giorno. Le firme sono 14 nella prima redazione, 11 nella seconda.

Prima redazione

È costituita dai sottoscritti, in questo giorno 5 dicembre 1876 una società Romana di Storia Patria allo scopo di pubblicare documenti illustrativi della storia della città e della provincia di Roma in tutti i suoi rapporti dalla caduta dell’Impero alla fine del secolo decimottavo, ed un Bollettino annuale di studi e memorie concernenti la storia medesima.
I soci si divideranno in attivi e contribuenti. Il Consiglio Direttivo della Società, cui incombe la Direzione e compilazione di tutti i lavori che la medesima si propone a scopo, è sin da ora composto dai primi sedici iscritti nell’Albo Sociale come soci attivi, che rimarranno in ufficio loro vita natural durante. Essi a maggioranza di voti provvederanno a mantenere completo il numero dei consiglieri, traendo i nuovi eletti da socii attivi originarii della Provincia Romana, che meglio si saranno adoperati per la Società.

Roma, il 5 Decembre 1876
Ugo Balzani, Carlo Castellani, Ciampi Ignazio, Costantino Corvisieri, Giuseppe Cugnoni, G. Battista de Rossi, Ignazio Giorgi, Ignazio Guidi, Ernesto Monaci, Giulio Navone, Giuseppe Tomassetti, Oreste Tommasini, Carlo Valenziani, Visconti P. E.

Seconda redazione

È costituita dai sottoscritti una società Romana di Storia Patria allo scopo di pubblicare documenti illustrativi della storia della città e della provincia di Roma in tutti i suoi rapporti dalla caduta dell’Impero alla fine del secolo decimottavo, ed un Bollettino trimestrale di studi e memorie concernenti la storia medesima.
Questa Società è posta sotto la protezione del Comune di Roma.
I sottoscritti si aggregheranno col nome di Socî corrispondenti quelle persone che si saranno rese benemerite della Società con contribuzioni scientifiche prestate alla medesima.
Sono dichiarati Soci Patroni quelle persone che sborseranno per una volta L. 500 per formare il fondo sociale.
Sono dichiarati Soci contribuenti quelle persone che si associeranno almeno per cinque anni al Bollettino della Società.

Roma, il 5 Decembre 1876
Carlo Castellani, Ignazio Ciampi, Costantino Corvisieri, Giuseppe Cugnoni, Giovanni Battista de Rossi, Ignazio Giorgi, Ignazio Guidi, Ernesto Monaci, Giulio Navone, Giuseppe Tomassetti, Oreste Tommasini.